widget

sabato 8 novembre 2014

Apparizione pubblica della Vergine della Riconciliazione. Messaggio rivelato il 5 Novembre 2014. (Giardino Benedetto-Brindisi)


La Santissima Vergine appare vestita tutta di bianco ed è avvolta da grande luce. Aveva la Corona del Rosario tra le mani. Dopo essersi fatta il Segno della Croce ha detto:
“Sia lodato Gesù Cristo”.
Mario: “Sempre sia lodato. Vergine Santa concedi tutte le grazie necessarie alla salvezza eterna a chi Ti invoca e segue fedelmente”.
La Beata Madre: “Si figlio Mio, concederò le grazie della salvezza eterna a chi Mi invocherà e seguirà ogni giorno. Io sono la Mediatrice Universale tra voi e Mio Figlio Gesù.
Ascoltate la Mia voce di Madre Misericordiosa per crescere in santità e purezza d'animo.
Distaccatevi da ciò che non è utile alla vostra unione col Signore, recidete il vostro legame col male, rinunciando al peccato che vi separa dal Sommo Bene. Ricercate più tempo da dedicare alla preghiera. Confidatevi con Gesù, pregandoLo incessantemente.
Pregate... Pregate molto figli diletti, perché la preghiera vi salverà e vi donerà grande pace.
Cari figli, in questi tempi difficili e di ribellione alle Leggi Divine, il Nemico, Mio Antico Avversario, progetta di rubarvi la fede, per gettarvi nello sconforto: non permettetelo!! La fede è un dono grande che non tutti hanno e che molti non valorizzano. La fede è la forza che vi anima e che vi dona “ali” per volare alto, oltre l'apparenza e gli inganni di questo mondo che passa. Cari figli, siate sempre più uniti nel lodare, benedire ed esaltare l'Eterna Trinità e nell'annunciare la Parola di Dio con la vostra vita d'umiltà e sobrietà.
Vi attendo qui, nella Mia Santa Casa il prossimo cinque del mese, perché ho bisogno delle vostre preghiere per salvare l'umanità priva di saggezza.
Offrite i vostri Rosari per la pace tra le Nazioni.
Lavorate instancabilmente alla salvezza delle anime. Portate Mio Figlio agli altri e non voi. Mettete Mio Figlio al centro di tutto e non voi. Ricordate che chi segue Gesù si mette all'ultimo posto e non cerca ricompensa sulla Terra ma nel Regno dei Cieli.
 Chi non semina col Signore non raccoglierà nessun frutto”.
(La Vergine ha infine ricordato di portate i “bambinelli” da far benedire da Lei il prossimo cinque Dicembre)

PREGHIERA A MARIA.
Maria, rendi il mio amore sorridente, perché sia ancor più ricco di amore! Fa in modo che il mio sorriso, possa esprimere la più pura bontà! Insegnami a dimenticare con un sorriso le mie preoccupazioni e le mie pene, per prestare attenzione soltanto alle gioie degli altri. Il mio volto sorridente renda i miei contatti col prossimo più cordiali e più caldi di fraternità. Conservami il sorriso nelle ore dolorose, perché anche in quei momenti io possa continuare a donarmi al prossimo. Aiutami a custodire in fondo al cuore quella gioia di amare che si manifesta attraverso il sorriso. Insegnami, Maria, a servire il Signore, con gioia, sorridendo, a qualunque costo.

lunedì 27 ottobre 2014

Apparizione pubblica della Vergine della Riconciliazione. Messaggio del 5 Ottobre 2014. (Giardino Benedetto-Brindisi)

“...Vi benedico con l'unzione del Dio Vivente e Regnante...”
“Sia lodato Gesù Cristo.
Io sono la Regina dell'universale pace, Madre dell'Amore Eterno.
Lasciate che vi ammaestri e vi mostri la Via che conduce al Padre: Mio Figlio Gesù.
E' Gesù la Vera Vita. Non cercate la felicità lontano da Gesù. Figlioli, sono qui per ricordarvi ciò che avete dimenticato: la preghiera del cuore, la penitenza, la contemplazione dell'Ostia Divina.
Cari figli, il vostro cuore accolga il Re della pace per poter donare la pace ai fratelli che incontrerete.
V'invito a divenire “fiaccole” d'amore per riscaldare  il mondo. Con l'amore e la misericordia costruirete un mondo di pace e di unione nello Spirito di Cristo.
Divenite apostoli degli ultimi tempi, affinché mediante il vostro evangelizzare tanti figli giungano alla conoscenza della verità e siano liberati dalla confusione. Amate Dio con cuore integro e non doppio. In voi sia presente solo luce di purezza e sante intenzioni, affinché il vostro agire sia per il bene di tutti. Siate venuti al mondo per amare non per altro. Cari figli, Io e Gesù vi siamo costantemente vicino e vi doniamo il Nostro Abbraccio che vi risanerà. Vivete nella grazia dell'Onnipotente Trinità. Vi benedico con l'unzione del Dio Vivente e Regnante. A presto Miei amati”.
(La Madre Celeste vestiva tutta di bianco ed era sorridente)
Nota bene: La Santissima Vergine anche in questo giorno speciale dedicato alla preghiera del Rosario e alla riparazione del Suo Cuore Immacolato, ha desiderato donarci un segno della Sua presenza spirituale e straordinaria tra di noi: attraverso la statua posta nella Cappellina. Tale statua più volte in passato ha effuso Olio santo profumatissimo di rosa, ed in questo giorno tale segno si è ripetuto dinnanzi alla folla di pellegrini e sacerdoti venuti per l'Apparizione mensile. Durante la preghiera essa si è resa risplendente di luce e ha iniziato a trasudare l'Olio della consolazione. I sacerdoti presenti hanno unto tutti i fedeli con un piccolo segno di croce sulla fronte, benedicendoli e invocando su di loro l'intercessione della Madonna, tramite questo Balsamo d'amore. Grande commozione tra i pellegrini, i quali hanno lodato l'Immacolata per averci benedetti con il Suo Olio, più volte definito da Lei “Olio della consolazione”. Meditiamo su questa manifestazione della Vergine e sui significati biblici e teologici dell'olio. Tutto ciò che riceviamo dal Cielo è grazia. Sappiamo farne tesoro, valorizzando gli interventi di Maria Santissima sulla Terra e tutti i Suoi segni miracolosi, corrispondendo alla Sua Chiamata e divenendo docili alla Sua Scuola di santità. Accogliamo la Madre Divina nella nostra vita quale Maestra Spirituale: Lei che ha vissuto vicino a Gesù può insegnarci a segurLo fedelmente in umiltà di spirito e gratitudine per il dono della virtù della fede. In questo mese dedicato al Rosario, uniamoci in famiglia quotidianamente  e preghiamolo con amore e devozione, unitamente alla COrona delle Lacrime e alla Corona delle Sante Piaghe di Cristo.

Ultimo Messaggio di Medjugorje, 25 ottobre 2014‏


"Cari figli! Pregate in questo tempo di grazia e chiedete l'intercessione di Tutti i Santi che sono già nella luce. Loro vi siano d' esempio e d' esortazione di   giorno in giorno, sul cammino della vostra conversione. Figlioli, siate coscienti che la vostra vita è breve e passeggera. Perciò anelate all'eternità e preparate i vostri cuori nella preghiera. Io sono con voi ed intercedo presso il mio Figlio per ciascuno di voi, soprattutto per coloro che si sono consacrati a Me ed a mio Figlio. Grazie per aver risposto alla mia chiamata. "

domenica 5 ottobre 2014

MESSAGGIO DELLA MADONNA A MIRYANA DEL 2 OTTOBRE 2014


Cari figli, con amore materno vi prego: Amatevi gli uni gli altri! Che nei vostri cuori ci sia sempre, così come ha voluto mio Figlio fin dal principio, al primo posto l’amore verso il Padre Celeste e verso il prossimo vostro al di sopra di tutte le cose terrene. Cari miei figli, non riconoscete i segni di questo tempo! Perché non riconoscete che tutto ciò che è intorno a voi, tutto ciò che succede è perché non c’è amore? Comprendete che la salvezza è solo nei veri valori. Accogliete la potenza del Padre Celeste. Amatelo e rispettatelo. Incamminatevi suoi passi di mio Figlio. Voi, figli miei, apostoli miei cari, voi vi radunate sempre di nuovo intorno a me perchè siete assetati, siete assetati della pace, dell’amore e della felicità. Bevete dalle mie mani. Le mie mani vi porgono mio Figlio che è la fonte limpida dell’acqua. Lui ravviverà la vostra fede, purificherà i vostri cuori, perchè mio Figlio ama i cuori puri e i cuori puri amano mio Figlio. Solo i cuori puri sono umili e hanno una vera fede. Io chiedo da voi cuori puri. Figli miei, mio Figlio mi ha detto che Io sono la Madre di tutto il mondo. Tutti voi che mi accogliete, vi prego di aiutarmi con la vostra vita, con i sacrifici e con la preghiera affinché tutti i figli mi accettino come Madre, affinché io possa condurli alla fonte limpida dell’acqua. Vi ringrazio.
Cari figli miei, mentre i vostri pastori con le loro mani benedette vi porgono il Corpo di mio Figlio ringraziate sempre nel vostro cuore mio Figlio per il Sacrificio e per i pastori che sempre vi dona.

Angelus del 5 Ottobre 2014

giovedì 25 settembre 2014

MESSAGGIO DELLA MADONNA DI ANGUERA N. 4.035 - 16 settembre 2014


Cari figli, camminate incontro a Gesù. 
Con i vostri esempi e parole testimoniate a tutti che appartenete al Signore. Ecco il tempo della grande battaglia spirituale. State attenti. Non allontanatevi dal cammino che vi ho indicato nel corso di questi anni. Fortificatevi nella preghiera e nell’ascolto del Vangelo del mio Gesù. Confessione ed Eucarestia: armi forti contro il demonio. Il fumo del demonio si diffonderà per il Brasile e molti diventeranno ciechi spiritualmente. I nemici di Dio agiranno contro i miei figli prediletti. Quelli che resteranno fedeli fino alla fine saranno salvi. Avanti senza paura. 
Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. 
Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. 
Amen. 
Rimanete nella pace.

MESSAGGIO DELLA MADONNA DI MEDJUGORIE DEL 25 SETTEMBRE 2014


Cari figli,
anche oggi vi invito perché anche voi siate come le stelle
che con il loro splendore 
danno la luce e la bellezza agli altri affinché gioiscano.
Figlioli, siate anche voi splendore,
bellezza, gioia e pace e soprattutto preghiera
per tutti coloro che sono lontani
dal mio amore e dall’amore di mio Figlio Gesù.
Figlioli, testimoniate la vostra fede e preghiera
nella gioia, nella gioia della fede
che è nei vostri cuori
e pregate per la pace che è dono prezioso di Dio.
Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

lunedì 8 settembre 2014

SETTIMANA DELLA II DOMENICA DOPO IL MARTIRIO DI SAN GIOVANNI IL PRECURSORE MARTEDÌ


Lettura della prima lettera di san Pietro apostolo 3, 8-17


Carissimi, siate tutti concordi, partecipi delle gioie e dei dolori degli altri, animati da affetto fraterno, misericordiosi, umili. Non rendete male per male né ingiuria per ingiuria, ma rispondete augurando il bene. A questo infatti siete stati chiamati da Dio per avere in eredità la sua benedizione. / «Chi infatti vuole amare la vita / e vedere giorni felici / trattenga la lingua dal male / e le labbra da parole d’inganno, / eviti il male e faccia il bene, / cerchi la pace e la segua, / perché gli occhi del Signore sono sopra i giusti / e le sue orecchie sono attente alle loro preghiere; / ma il volto del Signore è contro coloro che fanno il male».
E chi potrà farvi del male, se sarete ferventi nel bene? Se poi doveste soffrire per la giustizia, beati voi! Non sgomentatevi per paura di loro e non turbatevi, ma adorate il Signore, Cristo, nei vostri cuori, pronti sempre a rispondere a chiunque vi domandi ragione della speranza che è in voi. Tuttavia questo sia fatto con dolcezza e rispetto, con una retta coscienza, perché, nel momento stesso in cui si parla male di voi, rimangano svergognati quelli che malignano sulla vostra buona condotta in Cristo. Se questa infatti è la volontà di Dio, è meglio soffrire operando il bene che facendo il male.


SALMO
Sal 33 (34)


®   Gustate e vedete com’è buono il Signore.

Benedirò il Signore in ogni tempo,
sulla mia bocca sempre la sua lode.
Io mi glorio nel Signore:
i poveri ascoltino e si rallegrino.
Magnificate con me il Signore,
esaltiamo insieme il suo nome. ®

Gustate e vedete com’è buono il Signore;
beato l’uomo che in lui si rifugia.
Temete il Signore, suoi santi:
nulla manca a coloro che lo temono.
I leoni sono miseri e affamati,
ma a chi cerca il Signore non manca alcun bene. ®

Chi è l’uomo che desidera la vita
e ama i giorni in cui vedere il bene?
Custodisci la lingua dal male,
le labbra da parole di menzogna. ®


Sta’ lontano dal male e fa’ il bene,
cerca e persegui la pace.
Gli occhi del Signore sui giusti,
i suoi orecchi al loro grido di aiuto.®


VANGELO
Lettura del Vangelo secondo Luca 17, 3b-6


In quel tempo. Il Signore Gesù disse: «Se il tuo fratello commetterà una colpa, rimproveralo; ma se si pentirà, perdonagli. E se commetterà una colpa sette volte al giorno contro di te e sette volte ritornerà a te dicendo: “Sono pentito”, tu gli perdonerai».
Gli apostoli dissero al Signore: «Accresci in noi la fede!». Il Signore rispose: «Se aveste fede quanto un granello di senape, potreste dire a questo gelso: “Sràdicati e vai a piantarti nel mare”, ed esso vi obbedirebbe».

Oh Maria quanto sei bella!

“Lascio che Dio cammini con me o voglio camminare da solo?”. Omelia di P...

domenica 7 settembre 2014

Messaggio di Maria e Gesù a Mario d'Ignazio 5 settembre 2014

Apparizione pubblica della Vergine della Riconciliazione.
Messaggio rivelato il 5 Settembre 2014.
Giardino Benedetto- Brindisi

Segni miracolosi, Lacrimazioni ed Effusioni d'olio santo, Miracoli Eucaristici: il Signore si è chinato sul Suo Santuario, nell'umile dimora di Contrada Santa Teresa. Alleluja.

La Santa Vergine appare, mentre sto contemplando insieme a tutti i fedeli il miracolo del sole.
Nostra Signora veste tutta di bianco e San Michele Arcangelo è con Lei...Ella mi dice:
“Sia lodato Gesù Cristo!”
(La Beata Madre benedice tutti quanti col Segno della Croce e, sorridendo, continua a parlarci...)
“Cari figli, sono Io, la Madre di Dio e Madre vostra. Ascoltate ogni Mia parola, accoglietela prontamente nell'umiltà e traducetela in vita nuova nello Spirito Santo. Mediante il miracolo del sole, così come avvenne a Fatima, vi ricordo che il Mio Trionfo Immacolato è sempre più vicinmo e viene con potenza nella Luce della Santissima Trinità. Il Mio Trionfo viene con l'instaurazione del Regno Eucaristico. Lodate il Padre Celeste per questo dono d'amore. Lodate il Padre Celeste che ancora Mi manda sulla Terra per raccogliervi e salvarvi dai pericoli, che sempre incombono su di voi. Figli Miei, siate perseveranti perché chi persevererà sino alla fine sarà salviato. Pregate in special modo per la pace nel mondo... Convertitevi sempre di più a Gesù, cercando sempre il Suo Volto glorioso. San Michele, Principe delle Schiere Angeliche, vi proteggerà contro ogni tentazione, affinché vinciate la battaglia della lotta contro lo spirito del mondo.”
(La Madonna, poi, benedice tutti gli oggetti sacri)

Nota bene: Prima dell’Apparizione della Santissima Vergine, c'è stata anche quella straordinaria di Nostro Signore Gesù Cristo tra i fedeli. Il veggente è caduto improvvisamente in ginocchio mentre stava ascoltando alcuni pellegrini e, guardando il Divin Maestro, ha ricevuto dalle Sue mani l'Ostia Divina visibile ai presenti. Grande commozione nei cuori dei semplici, che hanno contemplato questo segno divino! Ecco il Messaggio dato da Gesù:
“Figliolo, la Mia Benedizione di Re e Salvatore è su di te. Piccolo Mio, ricevi il Mio Corpo Divino. Mira l'Ostia Santissima e adoraLa. Figli Miei, parte eletta del Mio Cuore, Piccolo Gregge, che sempre seguite Me e Mia Madre, la Corredentrice, restate uniti nel Mio Amore e nella
fedeltà al Padre che è nei Cieli!”
(Il veggente prosegue, dicendo:Gesù mi da la Santa Comunione. Cado, poi, per terra e ricevo una visione: Nostro Signore passa tra la folla e, imponendo le mani sui presenti, li benedice, invocando
lo Spirito Santo su di loro. Appare, allora, il Santo Spirito che invia dei raggi sui presenti, rendendoli risplendenti)

Oltre alla Comunione Mistica, ci sono stati altri segni miracolosi: la Coroncina del veggente, durante la preghiera, ha iniziato a trasudare copiosamente olio santo, profumatissimo di rose. Nella
sua Coroncina, successivamente, sono state intinte in quell’ olio le Coroncine dei fedeli presenti. La statua posta nella Cappellina ha iniziato a lacrimare. (Lo scorso 24 Agosto anche la statua
dell'Apparizione ha pianto abbondantemente). Poco prima dell’Apparizione Mariana, si è manifestato alla folla il miracolo del sole: il sole è apparso simile ad un'Ostia bianchissima. Esso
ha pulsato e roteato, lasciando meravigliati i fedeli presenti, giunti con vera fede e amore in questo sacro Luogo baciato dal Cielo: vero Angolo di Paradiso, dove le anime ritrovano Dio mediante
l'incessante preghiera. Dio ne sia lodato eternamente!

Attualmente le Apparizioni avvengono ogni 5 del mese in Contrada Santa Teresa-Brindisi, nei pressi dell'aeroporto civile. La preghiera ha inizio alle 16:00 ed il luogo è aperto a tutti in questo giorno di grazia per pregare intensamente e invocare la pace nel mondo.

papa francesco angelus 7 settembre 2014

martedì 26 agosto 2014

Apparizione pubblica della Vergine della Riconciliazione. Messaggio rivelato il 5 Agosto 2014. (Giardino Benedetto-Brindisi)


“Sono Io, la Vergine della Riconciliazione, Signora dell'Universale Pace, Regina del Giardino Benedetto, Mia Dimora. Cari figli, venite al Mio Cuore Materno ogni giorno di più; in Esso rifugiatevi in ogni avversità che incontrerete nel vostro seguire la via della santità. Figlioli Miei, elevate con ardore alla Santissima Trinità inni e lodi perché siate ricolmati dal Suo Amore Eterno e Misericordioso. La Santissima Trinità sia pregata e onorata da voi tutti. Le Ave Maria, pregate quest'oggi alla Mia presenza, sono state simili a rose freschissime, da Me accolte perché dette con puro amore e fede vera. Sappiate che nella preghiera voi venite toccati dallo Spirito Santo e ricevete la Sua sapienza. Continuate a seguire i Miei Messaggi di conversione e di pace, a viverli nella perseveranza, ben sapendo che essi sono luce per l'anima vostra. Riconciliatevi presto con Mio Figlio Gesù. Domandate a Lui, l'unità della famiglia. Il Maligno sta dividendo molte famiglie, perché non pregano insieme, né partecipano insieme al Sacrificio Eucaristico. Ognuno cammina per la sua strada, credendo che sia quella giusta, ma la vera strada è quella della preghiera. Quando sentirete stanchezza, desolazione e sconforto non abbandonate la preghiera, ma moltiplicatela. Siate figli della luce, soldati del Cuore di Gesù e Mio, dispensatori di speranza per le anime afflitte dal peccato, divenute cieche. Vi benedico, figli Miei. Adorate l'Ostia Santa, portatavi da Me alla vigilia del quinto anno della Mia Venuta: è un Dono prezioso, Segno della Misericordia Divina! Vi aspetto nel mese dedicato agli Angeli e agli Arcangeli”.

(La Santa Vergine indossa un vestito intensamente dorato ed ha dodici stelle intorno al capo)

NOTA BENE: il 4 Agosto, vigilia del quinto anno delle Apparizioni, la Madre Celeste è apparsa al Suo confidente lasciando l'Ostia Divina, così come aveva promesso tempo fa, in una delle Sue Visite personali al Piccolo della Quercia. La Madonna desidera mettere al centro della nostra vita Gesù Eucarestia, perciò dona questa presenza straordinaria di Gesù al Giardino Benedetto. Ecco il Messaggio dato lo scorso 4 Agosto:
Ai primi chiarori dell'alba che si effondono dolcemente nella casa del Giardino Benedetto un intenso bagliore mi desta: è Lei la Signora, vestita tutta di bianco lucente.
Porta l'Ostia Divina tra le Sue candide mani. Con grande amore e riverenza, lascia l'Ostia Santissima nell'Ostensorio, che tempo fa fu donato in attesa che la Santissima Vergine portasse il Santissimo al Giardino, così come Ella stessa promise. La Madonna dice:
“Sia lodato Gesù Eucarestia! Sono Io la Madre del Salvatore Gesù, Principe della Pace, Re delle Nazioni! Adoriamo, adoriamo l'Eucarestia, Fonte della Vita, Farmaco d'immortalità!” (Mi prostro in adorazione e vedo la Signora aprire l'ostensorio e deporre l'Ostia Santa)
“Alla vigilia del quinto anno della Mia Apparizione gloriosa, lascio in questo luogo, baciato dalla grazia trinitaria, Mio Figlio Gesù vivo e vero in quest'Ostia d'Amore. AdoraLo e riparaLo, piccolo Mio confidente. Pregate dinnanzi a Gesù Eucaristico presente in tutti i Tabernacoli del mondo e presente lì dove Io Lo porto per una speciale concessione dell'Altissimo”. Questo cinque si è svolta anche la processione con la statua dell'Apparizione, durante la quale sono stati pregati i venti misteri del Rosario per la conversione dei peccatori e per le vocazioni di speciale consacrazione a Dio. La Madonna, come in altri mesi, non ha mancato di donare particolari segni ai presenti attraverso gli effluvi odorosi di rose e attraverso il miracolo del sole.

papa francesco angelus 24 agosto 2014

lunedì 25 agosto 2014

Messaggio di Medjugorie 25 agosto 2014


Marija during an apparition
"Cari figli! Pregate per le mie intenzioni perché Satana desidera distruggere il mio piano che ho qui e rubarvi la pace. Perciò, figlioli, pregate, pregate, pregate affinché Dio possa operare attraverso ciascuno di voi. I vostri cuori siano aperti alla volontà di Dio. Io vi amo e vi benedico con la mia benedizione materna. Grazie per aver risposto alla mia chiamata. "

domenica 3 agosto 2014

Messaggio della Regina della Pace a Medjugorje del 2 Agosto 2014

“Cari Figli,

il motivo per cui sto con voi, la Mia missione e’ di aiutarvi affinché vinca il bene, anche se questo adesso a voi non vi sembra possibile.

So che molte cose non le comprendete, come anche io non avevo compreso, tutto quello che Mio Figlio mi insegnava mentre cresceva accanto a Me.

Ma io gli credevo e l’ho seguito questo chiedo anche a voi di credermi e di seguirmi.

Ma figli miei, seguire me significa amare Mio figlio al di sopra di tutti, amarlo in ogni persona senza distinzione.

Per poter fare tutto ciò Io vi invito nuovamente alla rinuncia alla preghiera e al digiuno.

Vi invito affinché la vita per la vostra anima sia l’Eucaristia.

Io vi invito ad essere miei apostoli della luce , coloro che nel mondo diffonderanno l’amore e la misericordia.

Figli miei, la vostra vita e’ solo un battito confronto alla vita eterna.

Quando sarete di fronte a Mio Figlio, Lui nei vostri cuori vedrà quanto amore avete avuto.

Per poter nel modo giusto diffondere l’amore io prego Mio Figlio affinché attraverso l’amore vi doni l’unione per mezzo Suo.

L’unione tra di voi e l’unione tra voi e i vostri pastori.

Mio Figlio sempre vi si dona nuovamente attraverso di loro e rinnova le vostre anime.

Non dimenticate questo.

Vi ringrazio.”
Foto: Messaggio della Regina della Pace a Medjugorje del 2 Agosto 2014

“Cari Figli,

il motivo per cui sto con voi, la Mia missione e’ di aiutarvi affinché vinca il bene, anche se questo adesso a voi non vi sembra possibile.

So che molte cose non le comprendete, come anche io non avevo compreso, tutto quello che Mio Figlio mi insegnava mentre cresceva accanto a Me.

Ma io gli credevo e l’ho seguito questo chiedo anche a voi di credermi e di seguirmi.

Ma figli miei, seguire me significa amare Mio figlio al di sopra di tutti, amarlo in ogni persona senza distinzione.

Per poter fare tutto ciò Io vi invito nuovamente alla rinuncia alla preghiera e al digiuno.

Vi invito affinché la vita per la vostra anima sia l’Eucaristia.

Io vi invito ad essere miei apostoli della luce , coloro che nel mondo diffonderanno l’amore e la misericordia.

Figli miei, la vostra vita e’ solo un battito confronto alla vita eterna.

Quando sarete di fronte a Mio Figlio, Lui nei vostri cuori vedrà quanto amore avete avuto.

Per poter nel modo giusto diffondere l’amore io prego Mio Figlio affinché attraverso l’amore vi doni l’unione per mezzo Suo.

L’unione tra di voi e l’unione tra voi e i vostri pastori.

Mio Figlio sempre vi si dona nuovamente attraverso di loro e rinnova le vostre anime.

Non dimenticate questo.

Vi ringrazio.”

papa francesco angelus 3 agosto 2014

sabato 26 luglio 2014

Messaggio della Madonna di Medjugorie 25.07.2014

Messaggio della Madonna di Medjugorie a Marija 25 luglio 2014

“Cari figli! Voi non siete coscienti di quali grazie vivete in questo tempo in cui l’Altissimo vi dona i segni perché vi apriate e vi convertiate. Ritornate a Dio ed alla preghiera; nei vostri cuori, famiglie e comunità regni la preghiera perché lo Spirito Santo vi guidi e vi esorti ad essere ogni giorno, aperti sempre di più alla volontà di Dio ed al Suo piano su ciascuno di voi. Io sono con voi, e con i santi e gli angeli intercedo per voi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Photo: Messaggio della Madonna di Medjugorie a Marija 25 luglio 2014

“Cari figli! Voi non siete coscienti di quali grazie vivete in questo tempo in cui l’Altissimo vi dona i segni perché vi apriate e vi convertiate. Ritornate a Dio ed alla preghiera; nei vostri cuori, famiglie e comunità regni la preghiera perché lo Spirito Santo vi guidi e vi esorti ad essere ogni giorno, aperti sempre di più alla volontà di Dio ed al Suo piano su ciascuno di voi. Io sono con voi, e con i santi e gli angeli intercedo per voi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

lunedì 7 luglio 2014

Messaggio della Madonna a Mario D'Ignazio, Brindisi del 5 Luglio 2014

06
Apparizione pubblica della Vergine della Riconciliazione.
Messaggio rivelato il 5 Luglio 2014.
(Giardino Benedetto-Brindisi)

La Vergine Maria appare vestita tutta di bianco. Aveva la Santa Eucarestia tra le mani. Dopo avermi dato la Santa Comunione la Beata Madre ha detto:
“Sia lodato e ringraziato ogni momento: il Santissimo e Divinissimo Sacramento”.
(Dopo aver adorato Gesù Eucarestia, reso visibile ai presenti, la Vergine ha detto tre Gloria al Padre e poggia l'Ostia Divina sulle mie mani. Non si può descrivere la gioia del ricevere la Santa Comunione dalla Madre Celeste. E' grande la Sua riverenza verso di Essa...)
“Ricevi il Corpo di Mio Figlio Gesù, adorandoLo e glorificandoLo profondamente in unione agli Angeli del Cielo, qui presenti. Cari figli, quest'oggi vi porto Gesù Eucaristico, affinché possiate metterLo al centro di tutta la vostra esistenza. Inginocchiatevi alla Sua reale presenza in spirito e verità e adorate, adorate questo Pane disceso dal Cielo!
Contemplando l'Ostia Divina, riceverete molte grazie necessarie per vincere la lotta spirituale e sarete ricolmati dell'amore del Salvatore Gesù. Io sono sempre con voi, vi benedico con la Mia benedizione materna e vi guido alla vera conversione. Vi accolgo tutti tra le Mie braccia amorose. Pregate... Pregate, molto Miei diletti, ed invoate la pace per il mondo in guerra”.
(La Vergine Maria benedice tutti noi e tutti gli oggetti sacri portati con l'intenzione di farli da Lei benedire, durante la Sua Visita)
Nota bene: in questo giorno di grande grazie, dove tutti attendono l'Apparizione mensile, si è svolta la pia pratica della Via Crucis meditando sul Sangue Preziosissimo di Gesù, versato per la nostra redenzione. Dopo la Via Crucis, tutti i pellegrini si sono raccolti in preghiera intorno la Cappellina, vicino alla quale la Madonna appare. Durante questa Visitazione della Santa Madre, il Piccolo della Quercia ha ricevuto la Comunione visibile ai presenti, che, con grande fede, hanno lodato Iddio per questo grande segno.
Preghiera a Gesù Eucarestia:
O Cristo, che doni la gioia
Nell'Eucaristia ti mostri a noi come Signore trionfante, proprio come un tempo sei apparso improvvisamente, risuscitato, in mezzo ai tuoi discepoli.
Fa' traboccare su di noi la gioia che hai portato agli uomini all'alba della tua risurrezione.
Questa gioia, contenuta in sovrabbondanza nella tua presenza eucaristica, diffondila nel mondo e falla sbocciare nei nostri cuori.
Poiché essa ha trionfato delle tristezze dell'agonia e della morte, fa che superi in noi ogni dolore, ogni angoscia, ogni malinconia
Poiché possiede una forza sovrana, irresistibile, fa' che rinnovi in noi, al di sopra di tutte le nostre debolezze, l'entusiasmo della tua vittoria.
Poiché è la festa dell'eternità già inaugurata nella tua presenza terrena, fa' che regni in noi senza fine, per condurci alla felicità dell'altra vita.
Rendici felici nonostante noi stessi, felici, nonostante i nostri disinganni e le nostre stanchezze, o piuttosto felici per causa loro, poiché son proprio essi che permettono alla tua gioia di sostituirsi alla nostra.
Rendici felici di guardarti, felici di possederti, felici di rimanere accanto a Te.
Rendici felici del tuo trionfo, felici del tuo amore, felici molto semplicemente della tua presenza.

mercoledì 2 luglio 2014

MESSAGGIO DELLA MADONNA DI MEDJUGORJE A MIRJANA IL 2 LUGLIO 2014



“Cari figli, io, Madre di voi radunati qui e Madre del mondo intero, vi benedico con la benedizione materna e vi invito ad incamminarvi sulla via dell'umiltà. Quella via porta alla conoscenza dell’amore di mio Figlio. Mio Figlio è onnipotente, Egli è in tutte le cose. Se voi, figli miei, non comprendete questo, allora nella vostra anima regna la tenebra, la cecità. Solo l’umiltà può guarirvi. Figli miei, io ho sempre vissuto umilmente, coraggiosamente e nella speranza. Sapevo, avevo compreso che Dio è in noi e noi in Dio. Chiedo lo stesso a voi. Voglio tutti voi con me nell’eternità, perché voi siete parte di me. Nel vostro cammino io vi aiuterò. Il mio amore vi avvolgerà come un manto e farà di voi apostoli della mia luce, della luce di Dio. Con l’amore che proviene dall’umiltà, porterete la luce dove regna la tenebra, la cecità. Porterete mio Figlio, che è la luce del mondo. Io sono sempre accanto ai vostri pastori e prego che siano sempre per voi un esempio di umiltà. Vi ringrazio”.

domenica 25 maggio 2014

Messaggio della Madonna di Medjugorie del 25.05.2014

Ultimo Messaggio di Medjugorje, 25 maggio 2014 


Marija during an apparition



"Cari figli! Pregate e siate coscienti che senza Dio siete polvere. Perciò volgete i vostri pensieri e il vostro cuore a Dio e alla preghiera. Confidate nel Suo amore. Nello Spirito di Dio, figlioli, tutti voi siete invitati ad essere testimoni. Voi siete preziosi e io vi invito, figlioli, alla santità, alla vita eterna. Perciò siate coscienti che questa vita è passeggera. Io vi amo e vi invito alla nuova vita di conversione. Grazie per aver risposto alla mia chiamata. "

lunedì 5 maggio 2014

PENSIERO E PREGHIERA DEL GIORNO

Grandi sono le opere del Signore

6.05.2014
At 8,9-17; Sal 67; Gv 5, 31-47

«… voi che ricevete gloria gli uni dagli altri, e non cercate la gloria che viene dall’unico Dio». (Gv 5,44)

Nelle letture di questi giorni la liturgia ci ha fatto volare alto fino a gettare l’occhio nell’intimità di Dio, là dov’è la nostra vera dimora. Nel vangelo di oggi, Gesù, getta uno sguardo su di noi, su quello che è il punto di partenza. E ci va pesante. È, questo, uno di quei capitoli (insieme a Gv 8, Mt 23 ecc) in cui, istinti­va mente, si è tentati di dire: «Ce l’ha con i suoi conna­zionali!». Ed è vero. Ma i suoi “connazionali” oggi sia ­mo noi.
Questa Parola ha attraversato il tempo per incon­trare noi. Per interrogarci. Voce, volto e Parola di Dio, che spazio di libertà trovano nella nostra vita (vv. 37­38)? Che significato ha per noi “l’amore di Dio”? E dove cerchiamo la gloria? In povere creature, fragili come noi? Ce n’è abbastanza da fare una dolorosa ma liberan­te revisione di vita.
Oggi non commentiamo il vangelo, lasciamo che sia lui a commentare la verità della nostra anima.

Preghiamo col Salmo

Sorga Dio e siano dispersi i suoi nemici
e fuggano davanti a lui quelli che lo odiano.
Come si dissolve il fumo, tu li dissolvi;
come si scioglie la cera di fronte al fuoco,
periscono i malvagi davanti a Dio.

SANTO DEL GIORNO

beata Pierina Morosini

6.05.2014
 
Nacque a Fiobbio, in comune di Albino, nel bergamasco, il 7 gennaio 1931, primogenita di nove figli. Dopo le scuole elementari, frequentato un corso di taglio e cucito, fu assunta come operaia tessile in uno stabilimento di Albino; con il suo lavoro manteneva la numerosa famiglia, poiché il padre era ormai inabile a qualsiasi attività. Iscritta alla Gioventù Femminile di Azione Cattolica, partecipava attivamente alla vita parrocchiale. Unico viaggio della sua vita fu quello che fece a Roma, per la beatificazione di Maria Goretti, il 27 aprile 1947.
Esemplare era la sua vita, nella fedeltà quotidiana al suo battesimo che la teneva saldamente unita al Signore mentre si dedicava al bene di tutti. Il 4 aprile del 1957, mentre rientrava dal lavoro, fu aggredita e ridotta in fin di vita a colpi di pietra da un uomo violento. Ritrovata in coma dai familiari, preoccupati per il ritardo del suo rientro a casa, fu portata all’ospedale di Bergamo, dove morì due giorni dopo, senza riprendere conoscenza.
La sua tomba a Fiobbio divenne presto meta di pellegrinaggi. Nel 1983 la salma venne traslata dal cimitero di Fiobbio nella chiesa parrocchiale. È stata beatificata da Giovanni Paolo II il 4 ottobre 1987.
 
 
Nel Martirologio Romano è ricordato oggi anche san Lucio di Cirene, menzionato negli Atti degli Apostoli tra i cinque “profeti e dottori” che governarono la Chiesa di Antiochia.

RITO AMBROSIANO - MARTEDÌ DELLA III SETTIMANA DI PASQUA

Lettura degli Atti degli Apostoli 8, 9-17

In quei giorni. Vi era da tempo in città un tale di nome Simone, che praticava la magia e faceva strabiliare gli abitanti della Samaria, spacciandosi per un grande personaggio. A lui prestavano attenzione tutti, piccoli e grandi, e dicevano: «Costui è la potenza di Dio, quella che è chiamata Grande». Gli prestavano attenzione, perché per molto tempo li aveva stupiti con le sue magie. Ma quando cominciarono a credere a Filippo, che annunciava il vangelo del regno di Dio e del nome di Gesù Cristo, uomini e donne si facevano battezzare. Anche lo stesso Simone credette e, dopo che fu battezzato, stava sempre attaccato a Filippo. Rimaneva stupito nel vedere i segni e i grandi prodigi che avvenivano.
Frattanto gli apostoli, a Gerusalemme, seppero che la Samaria aveva accolto la parola di Dio e inviarono a loro Pietro e Giovanni. Essi scesero e pregarono per loro perché ricevessero lo Spirito Santo; non era infatti ancora disceso sopra nessuno di loro, ma erano stati soltanto battezzati nel nome del Signore Gesù. Allora imponevano loro le mani e quelli ricevevano lo Spirito Santo.                        

SALMO
Sal 67 (68)

             ®  Conferma, o Dio, quanto hai fatto  per la nostra salvezza.
             oppure
             ®   Alleluia, alleluia, alleluia.

Sorga Dio e siano dispersi i suoi nemici
e fuggano davanti a lui quelli che lo odiano.
Come si dissolve il fumo, tu li dissolvi;
come si scioglie la cera di fronte al fuoco,
periscono i malvagi davanti a Dio. ®

I giusti invece si rallegrano,
esultano davanti a Dio
e cantano di gioia. ®

Cantate a Dio, inneggiate al suo nome,
appianate la strada a colui che cavalca le nubi:
Signore è il suo nome,
esultate davanti a lui. ®

Il nostro Dio è un Dio che salva;
al Signore Dio appartengono le porte della morte.
Mostra, o Dio, la tua forza,
conferma, o Dio, quanto hai fatto per noi! ®

           
VANGELO
Lettura del Vangelo secondo Giovanni 5, 31-47



In quel tempo. Il Signore Gesù disse: «Se fossi io a testimoniare di me stesso, la mia testimonianza non sarebbe vera. C’è un altro che dà testimonianza di me, e so che la testimonianza che egli dà di me è vera. Voi avete inviato dei messaggeri a Giovanni ed egli ha dato testimonianza alla verità. Io non ricevo testimonianza da un uomo; ma vi dico queste cose perché siate salvati. Egli era la lampada che arde e risplende, e voi solo per un momento avete voluto rallegrarvi alla sua luce.

PENSIERO E PREGHIERA DEL GIORNO

Grandi sono le opere del Signore

5.05.2014
At 8,5-8; Sal 77; Gv 5,19-30

«Il Padre… ha dato ogni giudizio al Figlio…». (Gv 5,22)

Antefatto a questo brano è la guarigione del para­litico presso la piscina di Betzatà. Gesù è accusato per aver operato in giorno di sabato. Si difen­de spiegando la radice del suo agire: il Padre. Con disar­mante semplicità, in modo che più esplicito non si può, Gesù “alza il velo” sull’intimità esistente tra lui e il Padre. Tutti noi spendiamo la nostra vita per affermarci, per essere indipendenti. Per paura di non-essere, per paura della morte dobbiamo, contro tutto e tutti, affermare il nostro Io. Il Figlio, invece, è rapito dalla contemplazione del Padre.
Egli ama tutto ciò che il Padre è, ha e fa. Gesù afferma la sua dipendenza. Non è per lui vergogna di ­pendere da questo padre: è la sua vita, è la sua gloria. Davanti a questo Tu il suo Io non deve auto-affermarsi, ma semplicemente essere, lasciando emergere il Noi della Trinità. Il Dio che giudica è questo. La sua estrema san­ti tà e lontananza si è avvicinata al nostro esistere, fino a en trare nei nostri sepolcri (v. 25). Ascoltare la voce del Figlio ci coinvolge nella gioia d’amore che fluisce in Dio trinità. Tutto questo può sembrare astratto, ma i santi non sono altro che quei “morti” che avendo ascoltato la sua voce hanno cominciato a vivere. A questo mistero è chia­mato ciascuno di noi.

Preghiamo

Ascolta, popolo mio, la mia legge,
porgi l’orecchio alle parole della mia bocca.
Aprirò la mia bocca con una parabola,
rievocherò gli enigmi dei tempi antichi.

SANTO DEL GIORNO


beata Caterina Cittadini

5.05.2014
Nacque a Bergamo il 28 settembre 1801. Rimasta orfana di entrambi i genitori, fu accolta, insieme alla sorella Giuditta di appena cinque anni, nell’orfanotrofio del Conventino, dove ricevette la sua formazione umana e cristiana e poté proseguire gli studi fino a conseguire il diploma di maestra elementare. Nel 1823 cominciò ad insegnare nella scuola elementare di Somasca di Vercurago, dove si trova il santuario di san Girolamo Emiliani. Con la sorella Giuditta aprì a Somasca una scuola privata e gratuita per ragazze povere, e in seguito un educandato e un orfanotrofio. Alcune ex allieve si unirono alle due sorelle per dedicarsi all’educazione delle fanciulle povere.
Per quest’opera, Caterina pensò a un nuovo istituto, le Orsoline di S. Girolamo di Somasca, per l’istruzione e l’educazione cristiana delle giovani, le cui costituzioni, scritte da Caterina, vennero approvate dopo la sua morte, avvenuta il 5 maggio 1857. Educatrice sapiente e illuminata, Caterina precorse i tempi con il suo apostolato incentrato sul catechismo e l’attività di animazione cristiana all’interno della parrocchia. Il suo Istituto si diffuse rapidamente con fondazioni a Roma, in Sardegna, nell’Italia meridionale e anche nell’America latina.

RITO AMBROSIANO - LUNEDÌ DELLA III SETTIMANA DI PASQUA


Lettura degli Atti degli Apostoli 8, 5-8

In quei giorni. Filippo, sceso in una città della Samaria, predicava loro il Cristo. E le folle, unanimi, prestavano attenzione alle parole di Filippo, sentendolo parlare e vedendo i segni che egli compiva. Infatti da molti indemoniati uscivano spiriti impuri, emettendo alte grida, e molti paralitici e storpi furono guariti. E vi fu grande gioia in quella città.           

SALMO
Sal 77 (78)

             ®   Diremo alla generazione futura la parola del Signore.
             oppure
             ®  Alleluia, alleluia, alleluia.

Ascolta, popolo mio, la mia legge,
porgi l’orecchio alle parole della mia bocca.
Aprirò la mia bocca con una parabola,
rievocherò gli enigmi dei tempi antichi. ®
            
Ciò che abbiamo udito e conosciuto
e i nostri padri ci hanno raccontato
non lo terremo nascosto ai nostri figli,
raccontando alla generazione futura
le azioni gloriose e potenti del Signore
e le meraviglie che egli ha compiuto. ®

Ha stabilito un insegnamento in Giacobbe,
ha posto una legge in Israele,
che ha comandato ai nostri padri
di far conoscere ai loro figli,
perché la conosca la generazione futura,
i figli che nasceranno. ®

Essi poi si alzeranno a raccontarlo ai loro figli,
perché ripongano in Dio la loro fiducia
e non dimentichino le opere di Dio. ®

          
VANGELO
Lettura del Vangelo secondo Giovanni 5, 19-30

In quel tempo. Il Signore Gesù riprese a parlare e disse ai Giudei: «In verità, in verità io vi dico: il Figlio da se stesso non può fare nulla, se non ciò che vede fare dal Padre; quello che egli fa, anche il Figlio lo fa allo stesso modo. Il Padre infatti ama il Figlio, gli manifesta tutto quello che fa e gli manifesterà opere ancora più grandi di queste, perché voi ne siate meravigliati. Come il Padre risuscita i morti e dà la vita, così anche il Figlio dà la vita a chi egli vuole. Il Padre infatti non giudica nessuno, ma ha dato ogni giudizio al Figlio, perché tutti onorino il Figlio come onorano il Padre. Chi non onora il Figlio, non onora il Padre che lo ha mandato.
In verità, in verità io vi dico: chi ascolta la mia parola e crede a colui che mi ha mandato, ha la vita eterna e non va incontro al giudizio, ma è passato dalla morte alla vita. In verità, in verità io vi dico: viene l’ora – ed è questa – in cui i morti udranno la voce del Figlio di Dio e quelli che l’avranno ascoltata, vivranno. Come infatti il Padre ha la vita in se stesso, così ha concesso anche al Figlio di avere la vita in se stesso, e gli ha dato il potere di giudicare, perché è Figlio dell’uomo. Non meravigliatevi di questo: viene l’ora in cui tutti coloro che sono nei sepolcri udranno la sua voce e usciranno, quanti fecero il bene per una risurrezione di vita e quanti fecero il male per una risurrezione di condanna. Da me, io non posso fare nulla. Giudico secondo quello che ascolto e il mio giudizio è giusto, perché non cerco la mia volontà, ma la volontà di colui che mi ha mandato».